Home

La probabile formazione giallo azzurra in campo con il Perugia, diversi i dubbi

27 febbraio 2017 Frosinone Calcio Sport


“In verità vista la vicinanza tra i due impegni, questa volta la formazione non la so nemmeno io”, così Pasquale Marino, sorridendo, ha risposto ai giornalisti di Frosinone nel corso conferenza stampa di presentazione del match di domani sera con il Perugia, che si è svolta questa mattina allo Stadio Comunale. “E’ chiaro che farò alcuni cambiamenti – ha continuato il tecnico giallo azzurro – anche se stanno tutti bene e meriterebbero di essere confermati. Cerchiamo di cambiare nei ruoli dove c’è un dispendio di energia maggiore, apportando qualche variazione in quasi tutti i reparti. Possibili tre o quattro cambi, ancora però devo decidere”. Il collega Amedeo Di Sora del Corriere dello Sport ha sollecitato Marino sul discorso delle possibili staffette preordinate: “E’ una possibilità, ma se poi il giocatore che deve lasciare il terreno di gioco sta disputando un’ottima partita, diventa complicato farlo uscire dal campo. E’ un discorso relativo, ribadisco, perché solo un pazzo può sostituire un giocatore che sta facendo bene solo perché si era programmato in precedenza un cambio. Quello che conta è che i cambi che farò non sono scelte di carattere tecnico, perché con il Verona tutti hanno giocato ad altissimo livello, ma di carattere fisico e mentale. Non si può pensare di arrivare alla fine del campionato utilizzando sempre gli stessi giocatori, perché per centrare l’obiettivo prefissato bisogna poter contare su tutti gli effettivi, che sono di grande qualità e che quindi possono dare un contributo fondamentale, soprattutto nei momenti del campionato più intensi, nei quali ci saranno tante gare ravvicinate, come ad esempio il prossimo aprile”.
Queste le dichiarazioni di Pasquale Marino, che dunque lascia aperta la porta a diverse soluzioni e scelte, necessarie per poter affrontare con la giusta attenzione e determinazione due impegni ravvicinati così difficili. Di ipotesi se ne possono fare molte, entriamo dunque nel campo delle supposizioni e proviamo a stilare una probabile formazione. Almeno tre i cambi, forse quattro, come ribadito dall’allenatore siciliano. Confermato il modulo tattico, il 3 – 5 – 2: in porta Bardi, difesa a tre con Ariaudo, Krajnc e Matteo Ciofani, che dunque prende il posto di Terranova, chiamato a tirare il fiato dopo aver giocato tre gare di fila. A centrocampo con Mazzotta a sinistra, rientra Fiamozzi a destra, mentre in mezzo probabilmente agiranno Maiello (impossibile sostituirlo visto l’ottimo momento di forma), Gori, che dovrebbe prendere il posto di Sammarco ed uno tra Soddimo e Kragl, con il centrocampista romano secondo noi in leggero vantaggio rispetto al tedesco. Davanti non è da escludere l’ingresso in campo di Mokulu sin dal primo minuto. Ma questo è, per quanto ci riguarda, il dubbio più grande. Chi togliere tra Dionisi e Ciofani? Domanda molto difficile. E voi, che ne pensate?

La probabile formazione del Frosinone Calcio (3 – 5 – 2): Bardi; Krajnc, Ariaudo, Ciofani M.; Mazzotta, Maiello, Gori, Soddimo, Fiamozzi; Dionisi, Ciofani D.


, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Condividi su