Home

Frosinone: Fiamozzi, Krajnc, Maiello e Mokulu, un poker per sognare in grande

10 gennaio 2017 Frosinone Calcio Sport


Siamo a buon punto, entro la prossima settimana contiamo di ufficializzare i primi rinforzi. Soprattutto è nostra intenzione aumentare la concorrenza in ogni ruolo nei tre reparti perché ci sia una sana competizione tra i giocatori a tutto vantaggio dell’economia della squadra”. Queste le parole rilasciate dal presidente Maurizio Stirpe, in questi giorni, sulle pagine de “Il Messaggero“.  Detto fatto perché i ciociari,  dopo pochi giorni dall’apertura ufficiale del mercato invernale, piazzano subito quattro colpi importanti per la categoria: Krajnc, Fiamozzi, Maiello e Mokulu. Marino, dunque, può contare fin da subito su quattro nuovi elementi, cosa da non sottovalutare minimamente. Sì, perché è importante aver già a disposizione nuovi calciatori fin da subito visto il tour de force che attenderà il Frosinone nel prossimo mese che dirà tanto sul campionato giallazzurro. Con l’arrivo di Fiamozzi e Krajnc appare molto evidente che mister Marino, per questa seconda parte di stagione, vorrà passare in maniera definitiva al 3-5-2. Krajnc, infatti, è un difensore che si adatta alla perfezione alla difesa a tre. Può giocare indifferentemente sia nel centro destra che nel centro sinistra ed è dotato di una discreta tecnica, qualità che forse mancava nella linea difensiva ciociara. Probabilmente lo sloveno si giocherà una maglia da titolare con Pryyma, forse il giocatore che più rischia di finire in panchina del trio titolare del girone d’andata. Krajnc, nonostante la giovane età (classe ’94) ha alle spalle due campionati cadetti vinti con Cesena e Cagliari e vanta già due presenze nella nazionale maggiore slovena. Fiamozzi, invece, è reduce da un anno con la maglia del Genoa dove ha messo insieme 12 presenze. Nella stagione precedente è stato impiegato diverse volte da titolare come esterno di destra, ruolo che dovrebbe ricoprire nel Frosinone. Il terzino destro, dopo un’ottima prima parte di stagione con la maglia del Pescara di mister Oddo, fu acquistato dal Genoa dove con mister Gasperini riuscì a ritagliarsi il suo spazio. Quest’anno con Juric è sceso in campo solamente 4 volte e per pochi minuti. Classe ’93, Fiamozzi verrà a Frosinone con l’intento di rilanciarsi e battagliare con M.Ciofani (che tanto bene ha fatto finora) per una maglia da titolare per la corsia destra. Maiello è un centrocampista che può ricoprire tutte le zone della linea mediano del campo. Può giocare, infatti, indifferentemente sia come regista davanti la difesa sia come mezzala.  Mokulu è un giocatore che si presenta da sè. Forza fisica da vendere e tanta voglia di rivalsa. L’ex Avellino quest’anno è ancora a secco di gol, complice anche un modulo che non risaltava le sue caratteristiche. Il belga, infatti, è stato spesso e volentieri impiegato come esterno d’attacco, ruolo certamente non suo. All’Avellino, infatti, aveva la concorrenza spietata di Ardemagni e Castaldo (un idolo da quelle parti) e per lui era davvero difficile ritagliarsi uno spazio come punta di riferimento. Anche l’anno scorso, nonostante un ottimo bottino (12 reti), Mokulu non ha espresso appieno il suo potenziale, giocando prevalentemente come esterno d’attacco o seconda punta, chiuso come perno centrale da Trotta e Castaldo. A Frosinone non partirà titolare, visto che davanti ci sono gli intoccabili D.Ciofani e Dionisi, ma Mokulu, vista la sua imponente fisicità, può essere devastante a partita in corso.  Insomma un Frosinone che si è mosso intelligentemente in questa sessione di mercato, puntellando una rosa già competitiva ma che necessitava di essere “allungata”.


, , , , , , ,

Condividi su