On Air

Radio Day Live ! i migliori brani in Heavy Rotation

Home

Alessandro Calori: “A Frosinone e a Trapani c’è grande sportività ed educazione”

7 maggio 2017 Frosinone Calcio Sport


Subito dopo la conferenza di Pasquale Marino, in sala stampa arriva il tecnico della formazione siciliana, Alessandro Calori.

C’è un pizzico di rammarico dopo questa sconfitta?
“Solo un pizzico? Direi un po’ di più di un pizzico… Degli episodi non sono così convinto. La squadra, da quando sono arrivato, sta avendo un ottimo atteggiamento, non mollano mai, cercano di giocare, hanno coraggio, sono cresciuti tutti. C’è dispiacere per gli episodi, sia sul gol di Dionisi, che sul rigore non concesso per il fallo su Curiale, non sono convintissimo. Ci prendiamo la buona prestazione perché non voglio dare nessun alibi ai miei giocatori, perché abbiamo ancora due partite e bisogna continuare a lottare così perché credo che ce la dobbiamo meritare questa salvezza. Ormai ho capito che bisogna andare oltre la normalità, è da quando sono arrivato che lo dico e vedo che in tutte le nostre partite è così, quindi ci prepariamo per la partita con il Cesena. Con il Frosinone, squadra di esperienza e qualità, in corsa per arrivare direttamente in Serie A, sapevamo alla vigilia che non era una partita facile, anzi, molto difficile. Credere nelle cose va aldilà dei valori, è questo che sto cercando di insegnare a trasmettere ai miei ragazzi, che fanno tutto molto bene. Anche oggi si sono impegnati, nei minuti finali abbiamo giocato con tre punte ed un trequartista… Se vogliamo raggiungere il traguardo dobbiamo osare”.

Alla vigilia aveva chiesto ai suoi ragazzi proprio questo, andare oltre le proprie capacità per affrontare il Frosinone in casa.
“Sulla prestazione ai ragazzi non posso dire nulla, è chiaro che qualcosa bisogna concedere. I ragazzi hanno dato veramente l’anima, nel comportamento, nel modo di stare in campo. Magari siamo stati imprecisi in alcune situazioni, come quella nella quale Manconi ha avuto lo spazio per affondare, si era aperta la difesa e non è riuscito a sfruttare l’opportunità. In queste situazioni bisogna migliorare. Sulla prestazione ai ragazzi non posso dire nulla, anche voi di Frosinone penso possiate condividere questa considerazione”.

Forse la sua squadra ha sofferto in mezzo al campo, dove l’esperienza di calciatori come Maiello, Sammarco e Gori ha avuto un peso decisivo?
“Si. Generalmente il nostro è un centrocampo tecnico, volevo irrobustirlo per dare più qualità, più fraseggio. Le giocate di esperienza in verticale del Frosinone e le manovre di Dionisi, giocatore che in questa categoria fa la differenza e che a me è piaciuto molto, ho avuto sempre un debole per lui ed oggi mi ha confermato quello che pensavo, hanno sicuramente avuto un peso. Dionisi è bravo a smarcarsi, a trovare la posizione e ad inserirsi. Noi in mezzo al campo abbiamo sbagliato troppi passaggi, l’avevamo impostata per giocare a due tocchi in velocità, per cercare la verticale dei nostri due attaccanti, che sono rapidi e veloci negli inserimenti, per provare a mettere in difficoltà i difensori del Frosinone”.

Dal punto di vista dell’accoglienza, della sportività e del rispetto, mi da un giudizio su come la città di Frosinone, il Frosinone Calcio ed i suoi tifosi hanno accolto il Trapani oggi? Si è potuto giocare al calcio quest’oggi in modo sereno?
“Serenissimo. Sono stati tutti accoglienti. Mentre seguivo il riscaldamento dei miei ragazzi nel pre partita, mi sono messo a parlare con i tifosi del Frosinone vicini alla recinzione perché mi hanno rivolto la parola in maniera educata ed io ho risposto in maniera educata, queste sono le cose belle del calcio, perché il rispetto lo si deve dare per riceverlo, perché se questo non avviene è chiaro che non è carino. Per questo aspetto Frosinone lo ha già dimostrato, come Trapani del resto, dove i tifosi e gli sportivi sono educati allo stesso modo. Queste sono cose che andrebbero esaltate e fatte capire, perché tutti potrebbero crescere”.

La folata di Pigliacelli, una delle occasioni più importanti per la sua squadra, l’ha commentata con il suo giocatore? Se si, come?
“No, commentare con lui queste cose qui… Ogni tanto è un pazzo scatenato (sorride, come tutti i presenti, ndr), lui parte…C’ha questi momenti… Ha fatto un assist incredibile, è risolutivo. Immagino il tifoso che guarda da casa la partita, se soffre un po’ di cuore, rischia… Lui è esuberante, è un ragazzo fantastico, vuole sempre andare oltre, la vive in maniera emotiva, a volte si deve un pochino contenere, però quando fa queste cose qui gliele lascio fare, magari ne parleremo lunedì quando ci rivediamo”.

Il video integrale della conferenza stampa di Mister Alessandro Calori, caricato sul canale YouTube di Radio Day.


, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Condividi su

Scrivi un Commento

La tua mail non sarà pubblicata. I campi richiesti sono segnalati da *